Proverbi Salentini

I proverbi salentini sono tantissimi e racchiudono in ciascuno, tutta le tradizioni, i modi di fare e i modi di pensare della gente del Salento, una splendida terra bagnata da due mari: l’Adriatico e lo Jonio.

Particolarità dei proverbi di Lecce e provincia, sta nel fatto che, spostandoti anche solo di pochi chilometri si trovano differenze di accenti e modi di parlare nel dialetto, anche importanti.

Consultare i proverbi salentini, per il turista, può aiutare a immergersi nella cultura locale e imparare a conoscerne i diversi dialetti.

A casa brusciàta, mintimu focu.
Incendiare una casa già bruciata.
Quando non si ha più nulla da perdere e si è disposti a compiere qualsiasi gesto.

A ci sparte la megghiu parte.
Chi divide qualcosa saprà scegliere la parte migliore.

Aggi furtuna e futtite a mare.
Abbi fortuna e buttati a mare.

Allu squagghiare te la nìe, essenu li strunzi.
Quando si scioglie la neve, galleggiano gli escrementi.
(Nel momento giusto la verità viene sempre a galla).

Arcu te mane l’ommu se pija lu pane; arcu te sira l’ommu se ritira.
Arcobaleno a levante (dove la mattina sorge il sole) l’uomo prende il pane (per la campagna), arcobaleno di sera (quindi a ponente) l’uomo torna (dalla campagna per il maltempo in arrivo).

Batti lu fierru finché è cautu.
Batti il ferro finché è caldo.
(Saper sfruttare a proprio vantaggio le situazioni positive).

Bivite lu mieru cautu ca te passa la tosse.
Beviti il vino caldo che fa passare la tosse.
(Secondo una vecchia credenza popolare il vino caldo fa passare la tosse)

Ci gira llicca, ci stae a casa sicca.
Chi gira lecca, chi sta a casa secca.

Ci manci pane e pummitoru nu vai allu duttore.
Se mangi pane e pomodoro non vai dal dottore.

Ci nasce bbehhra, nasce maretata.
Chi nasce bella, nasce sposata.

Ci nasce ciucciu nu pote murire cavaddhru.
Chi nasce asino non potrà morire cavallo.
(Nella vita non si cambia mai).

Ci si curca cu li piccinni la matina si ausa pisciatu.
Chi si corica con i bambini la mattina si alza con la pipì addosso.

Ci ole lu male dell’autri, lu sou è vicinu.
Chi vuole il male degli altri, il suo è vicino.

Ci sputa an cielu a ‘nfacce ni cate.
Chi sputa in cielo in faccia gli cade.

Ci te manci lu pane ncocculutu cacci li denti te oru.
Se mangi il pane ammuffito i denti diventano d’oro.

Ci uei l’amicizia cu mantègna nù panaru cu bbae e unu cu bbegna.
Se vuoi mantenere l’amicizia un paniere deve andare e un paniere deve tornare.
(Nell’amicizia ci vuole altruismo).

Ccoji l’acqua quandu chioe.
Raccogli l’acqua quando piove.
(Saper approfittare dei momenti propizi)

Cchiù bene faci, cchiù an culu lo pigghi.
Più bene dai, più lo prendi nel culo.
(Se si è troppo buoni si rischia di essere sfruttati)

Ci cchiù tene, cchiù bbole.
Chi più ha, più vuole.
(Sull’egoismo e l’avidità)

Ci è tortura… all’acqua torna.
Se è tortora all’acqua torna.
(Se qualcuno è propenso a qualcosa prima o poi ne darà prova).

Ci fatìa na sarda, ci no fatìa na sarda e mmenza.
Chi lavora una sarda, chi non lavora una sarda e mezza.

Ci ha fattu lu piccatu chianga la penitenza.
Chi ha peccato si aspetti la penitenza.
(ognuno si assuma le responsabilità delle proprie azioni)

Ci lassa la strata ecchia pe lla noa, sape cce lassa ma nu ssape cce troa.
Chi lascia la strada vecchia per la nuova, sa cosa lascia ma non sa cosa trova.

Ci mangia sulu se ‘nfuca.
Chi mangia solo si affoga.
(Non essere ingordi)

Ci nu tene cervieddhru tene anche.
Chi non tiene cervello tiene gambe.

Ci parla mutu unchia palloni.
Chi parla molto gonfia palloni.
(sull’essere chiacchieroni)

Ci sputa a ‘ncelu, a ‘nfacce ni hae.
Chi sputa in cielo, gli cade in faccia.


Fanne comu te fannu e nu bbhe peccatu.
Fai quello che ti fanno e non è peccato.
(tratta gli altri come loro trattano te)

La caddhrina face l’ou e allu caddhru ne usca lu culu.
La gallina fa l’uovo e al gallo brucia il sedere..

La malerba crisce sempre.
L’erba cattiva cresce sempre.

Lu bbinchiatu nu crite allu disciunu.
Chi è sazio non comprende chi è affamato.

Lu ciucciu porta la paja e le ciucciu se la ngaia.
L’asino porta il mangiare e lo stesso se lo mangia.

Lu giudiziu è quiddhru ca te campa, lu pane, quantu pare ca te bbinchia.
Quello che ti fa vivere è il giudizio, il pane serve solo a saziarti.

Lu pane cchiù è sudatu e cchiù bbinchia.
Il pane più è sudato e più sazia.
(Ciò che si guadagna coi sacrifici regala maggiori soddisfazioni).

Lu porcu bbinchiatu ngira la pila capisutta.
Il maiale sazio gira il piatto sottosopra.

Lu sule ci te ite, te scarfa.
Il Sole se ti vede, ti riscalda.

Lu tirchiu è comu lu puercu: è buenu sulu dopu muertu.
L’avaro è come il maiale; è buono solamente dopo la sua morte.

Meju niuru pane ca niura fame.
Molto meglio il pane nero della fame nera.

Nàna, nàna, comu la festa la uttisciana.
Nàna, nàna, come la festa il giorno feriale.

Nu bbulare mutu autu mò ca tieni l’ale, ca sempre si suggettu allu catire.
Non volare molto alto adesso che hai le ali, perchè sei sempre soggetto a cadere.

Nu puei tenire la utte china e la mugghere ‘mbriaca.
Non puoi avere la botte piene e la moglie ubriaca.

Quandu ccappi alla cargiula ete sulu pe lla ‘ngula.
Quando capiti nella trappola è soltanto per la gola.

Quandu lu ciucciu nù bbole cu bbia, magari ca fischi.
Quando l’asino nun vuole bere, magari che fischi.

Quandu manci fucendu, mori prima te lu tiempu.
Mangiando di fretta si muore prima del tempo.

Quannu lu tiàulu te ncarizza l’anima nde ole.
Quando il diavolo ti accarezza vuole prenderti l’anima.

Sai addù nasci e nù ssai addù mueri.
Sai dove nasci e non sai dove muori.

Se mangiandu te sira te strafuechi, lu sennu te la notte te lu sciuechi.
Se mangiando di sera ti strafoghi, il sonno della notte te lo giochi.

Sparagna la farina quannu la mattra è china, ca quandu la mattra pare nu te serve lu sparagnare. Risparmia la farina quando la madia è piena, non ti serve risparmiarla quando ne vedi il fondo.

Stiendi lu pete pe quantu è lengu lu passu.
Stendi il piede per quanto è lungo il passo.

Sulu alla morte nu nc’ete rimediu.
Solo alla morte non c’è rimedio.

Te fimmena mustazzuta, Ddiu cu tte juta.
Dalla donna baffuta, che Dio ti aiuti.

Te Santu Martinu, ogne mostu denta vinu.
Di San Martino, ogni mosto diventa vino.

Tira cchiù nu pìlu ca nù nzàrtu.
Tira più un pelo che una corda.

Torci lu vinchiareddhru quannu ete tennereddhru.
Piega il ramo d’ulivo quando quando l’albero è piccolo.
(Educa il bambino, fin dalla più tenera età. Qualsiasi germoglio dell’albero può essere piegato, come si vuole, quando è ancora tenero).

Utai, utai, utai, megghiu te la casa mia nu truai.
Girai, girai, girai, meglio della casa mia non trovai.

Ventre china cerca riposu.
Pancia piena cerca riposo.

Ultimo aggiornamento: 29 luglio 2018

Vota l'Articolo

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle6 Stelle7 Stelle8 Stelle9 Stelle10 Stelle
(50 voti - media: 9,98 su 10)
Loading...

Altro su:


by .